Al servizio di B. e M. Obama

Trlerler

Dovevo andar via dalla mia città per qualche problema ‘generale’ (come i problemi politici o le carestie), allora sono andata a Modena o Ravenna, una città vicino a Ferrara, insomma – non so perché, a cercare lavoro insieme ad altre persone (tipica scena con fagotto sulla spalla). Quel giorno arrivavano dei politici in vista, per qualche motivo. Dopo aver cercato lavoro tutta la mattina, verso le due del pomeriggio sono riuscita a improvvisarmi cameriera in una sorta di pasticceria-ristorante, approfittando del fatto che un cameriere era rimasto occupato in cucina ad aiutare i cuochi con un problema di forni.
In quel momento ho dovuto servire il presidente Obama con sua moglie. Non ero particolarmente entusiasta per il fatto che erano lì presenti delle persone così influenti (di cui condividevo gran parte dei valori però), stavo pensando principalmente di dare il massimo per mostrare una qualche dote di cameriera.
Ricordo anche di aver mentito sul fatto che il buonissimo dolce della casa l’avevo fatto io…ma non è peccato in questi casi…
Ho conquistato i coniugi della Casa Bianca, che mi hanno chiesto di seguirli per farmi trovare un impiego, probabilmente come cameriera al loro seguito. Li ho seguiti. C’erano delle manifestazioni molto ‘popolari’, simili al Palio, ma misto a messaggi politici e riferiti a quello che stava succedendo in quei tempi (anche nel sogno uno dei problemi era la disoccupazione). Ad un certo punto Obama doveva incontrarsi con qualcuno per discutere e sono andata a farmi un giro, sperando di non dover continuare a cercare lavoro e che mi avrebbero realmente presa, sono andata a vedere questa manifestazione. Ho incontrato quella che era la mia migliore amica che mi ha detto che era rimasta incinta e sarebbe andata a convivere (non è il tipo, non è il tipo nemmeno che partecipa ai problemi sociali però), le ho fatto un cenno civile, ma non ho mostrato interesse, mi sono volta subito verso la manifestazione e verso alcune persone che erano venute con me a cercare lavoro. Deve avermi un po’ stizzita perché è la tipica che fa faticare gli altri al posto suo e trova sempre il modo per ottenerlo (anche questa è un’arte), mentre io continuavo ad avere la preoccupazione del lavoro come gran parte delle persone della manifestazione più tutte quelle che erano arrivate in città.

2 Commenti

  1. palhomo21 ha detto:

    Certo che ne hai di immaginazione, hihihihhi..
    Spero che ti avranno risposto, dandoti la definizione.
    Anche io l’aspetto…..

  2. Kyriake ha detto:

    Speriamo che non si realizzi! 😀
    Per ora non devo lavorare…chissà…me lo tengo buono per il futuro 😛

Commenta questo Sogno

*

sogni nel sonno

incubi

sogni belli

sogni in veglia

progetti

visioni